Compagnia Teatrale Dionisi

Serate bastarde

di/ by Renata Ciaravino e Carmen Pellegrinelli
con/ with Renata Ciaravino, Silvia Gallerano e Carmen Pellegrinelli
aiuto regia e luci / assistant director and light/designer Carlo Compare
Film-making Elvio Longato
Organizzazione di/ organization Anna Sironi
prodotto in collaborazione con / produced in collaboration with Fondazione Culturale Città di Gallarate, Next-Regione Lombardia

Venerdì 2 marzo // 22.30 // Teatro Donizetti – sala del ridotto Gianandrea Gavazzeni
Sabato 3 marzo
// 22.30 // Teatro Donizetti – sala del ridotto Gianandrea Gavazzeni

Esiste una versione ufficiale del nostro presente. In genere è raccontato dalla televisione.
La televisione diventa la verità e nella vita cerchiamo di riprodurla. Per riuscirci occorre essere tendenzialmente belli, ricchi, di successo, veloci, sfrontati, produttivi, in una maggioranza. Ma c’è un problema: nella realtà siamo storti e inadeguati. Tendenzialmente brutti, senza soldi, recentemente senza futuro. In genere il mondo lo vediamo tratteggiato in maniera lungamente più grossolana della nostra intima consapevolezza del mondo stesso. Ma la società si è strutturata per sottrarci il fuoco della parola, dell’indagine, dell’Entusiasmo. La vita è breve e la liberazione un dovere: il dovere di scoprire cosa ci sia dietro a un corpo martoriato dal fuoco che vuole far parte del mondo dello spettacolo, dietro a una pensionata di 70 anni costretta a lavorare che sfoga se stessa contro un pakistano. Dietro la paura di morire senza avere mai aperto la bocca. Dentro alla tv. Raccontare tutto questo senza la mediazione della metafora ma attraverso la corporalità suicidale dell’incontro diretto con lo spettatore. Il linguaggio che usiamo è quello del Satiro, quell’essere a membro eretto che aveva il compito di purificare la terra dagli spiriti maligni ostentando riso e linguaggio scurrile come affermazioni della potenza rigeneratrice della natura. Che ha il compito di attaccare i territori di pregiudizi a cui siamo condannati. Serate Bastarde è un intreccio di quadri eseguiti sotto forma di Stand Up, esibizioni fisiche, incontri umorali con lo spettatore, video, prosa, satira e tragedia.

There’s an official version of the past and there’s an official version of the present. Both versions are usually presented by television and the mass media. The television has become the truth that we attempt to reproduce in our daily lives. In order to do so, you have to be tendentially good-looking, tendentially rich, tendentially successful. But there’s a problem: we are more usually crooked and inadequate. Tendentially less than good-looking and wealthy, and recently stripped of our hope for the future. Bastard Nights grew from the need to talk about our fears. Bastard Nights grew from our desire to summon our spirit of regeneration using words that break the conventions of language. Bastard Nights tells it like it us without the mediation of metaphor through suicidal corporality and direct encounter with the spectator. For this reason, inside the story, we put ourselves, a body scarred by 4th degree burns, our family experiences, and our grieving. The issues we face are big ones: sex, death and politics. Life is short and liberation is a duty. The duty to seek the truth behind the facts, to discover the real person beyond what someone else is asking us to be. Bastard Nights would like to clear the ground and give a surprise, even to those of us who are putting it on. The surprise of discovering exactly what’s behind a body mutilated by fire, inside the house of a pensioner obliged to return to work at the age of seventy, behind all the grieving, behind the flag. Bastard Nights is a tapestry of panels rendered in the form of stand-up comedy, exhibitionism, video, drama, satire, and tragedy.


[ Compagnia Teatrale Dionisi ]
La Compagnia Teatrale Dionisi lavora sulla drammaturgia contemporanea e ultra-contemporanea, utilizzando un cross-over di linguaggi pop che vanno dall’Hard Cabaret al video, alla Stand-Up Comedy, all’happening, alla prosa. Lavora inoltre sull’approfondimento dei linguaggi del comico, con particolare attenzione alla satira politica e di costume e sull’incontro fisico con lo spettatore, ricercando il punto in cui il linguaggio del teatro si avvicina al linguaggio del rock’n’roll.
La Compagnia ad oggi ha prodotto e rappresentato più di dieci spettacoli. Ha ricevuto il premio Enriquez, la menzione alla drammaturgia del Premio “Dante Cappelletti”, la menzione speciale alla “Biennale dei Giovani Artisti” del Mediterraneo per il teatro civile, il Premio Nuove Sensibilità.
La Compagnia Teatrale Dionisi è stata finanziata da Regione Lombardia e Fondazione Cariplo-Progetto Etre. Dal 2008 al 2010 è stata residente presso il Teatro del Popolo di Gallarate. Dal 2011 è finanziata da Fondazione Cariplo – Progetto “Avvicinare nuovo pubblico alla cultura”, che sostiene anche l’organizzazione del festival Mixité, festival teatral-musicale sul tema della Differenza, in collaborazione con Arci Milano.
Il cuore della Compagnia Teatrale Dionisi è quello di Carmen Pellegrinelli e Renata Ciaravino, unito a quello di Carlo Compare, Elvio Longato, Anna Sironi.

Renata Ciaravino, autrice, ad oggi ha scritto, tra gli altri, per la Compagnia Teatrale Dionisi, per Serena Sinigaglia, per Veronica Cruciani e per Gianna Nannini. Ha scritto per radio e televisione. I suoi testi sono tradotti e rappresentati in francese, tedesco, turco, polacco, inglese e valenciano. Ha insegnato all’Università di Pristina in Kosovo. Ha lavorato al laboratorio internazionale di drammaturgia al Teatro de Roind Point di Parigi e al Centre d’Art Scenique di Bruxelles. Alla fine del 2007 ha pubblicato il suo primo romanzo “Potevo essere io”.


Dionisi Theatre Company work on contemporary and ultra-contemporary dramaturgy, using a combination of pop languages ranging from Hard Cabaret to videos, Stand-Up Comedy, happening and prose. They also work on at thorough analysis of the languages of comedy and comicality, with particular attention to custom and political satire and on the physical encounter with the audience, seeking the point where the language of theatre meets the language of rock’n’roll. At present, the company have produced and performed more than 10 shows. They were given the Enriquez Award 2008, the nomination to the “Dante Cappelletti” Dramaturgy Award 2006, a special nomination to “Biennale dei giovani artisti” (Biennial of young artists) of the Mediterranean for the civil theatre, the “Nuove Sensibilità” Award 2008.
In the past years Dionisi Theatre Company have been financed by Regione Lombardia and Fondazione Cariplo-Progetto Etre. From 2008 to 2010, they were the resident company of Teatro del Popolo of Gallarate. Since 2011 they have been financed by Fondazione Cariplo for the new project “Avvicinare nuovo pubblico alla cultura”, which includes the organization of “Festival Mixitè”, a theatre and music festival, organized in cooperation with Arci Milano.
The core of the company is Carmen Pellegrinelli and Renata Ciaravino, with the participation of Carlo Compare, Elvio Longato and Anna Sironi.

Renata Ciaravino, Dionisi’s Art Director, has written extensively for the theatre. She has worked with singer and songwriter Gianna Nannini and written for radio and television. Her works have been translated and staged in French, German, Turkish, English, Spanish and Polish. She has taught at Pristina University in Kosovo and worked at the international drama workshop at Théâtre du Rond Point, Paris, and at the Brussels Centre d’Art Scenique with Stanislas Nordey and Federico Tiezzi.

www.compagniadionisi.it
Share